NomeFigli dei Ghiacci
TagIce
AllineamentoRazziale Barbara – Neutrale
TipologiaMilitare
ForumIce

 

Barbari…un popolo strano.

Abituati a vivere nelle fredde terre di Northgard, ma ormai da tempo nascosti agli occhi del popolo di Sosaria.

Ogni tanto qualche Barbaro fa il suo ingresso nelle città, recandosi in qualche locanda a consumare la propria birra e ripartire nel cuore della notta a caccia di avventure.

Tristano aveva deciso di abbandonare definitivamente l’esercito dei Rise of Seax, aveva consegnato la sua lettere d’addio insieme al suo amico Horus.

Gli ultimi avvenimenti stavano riportando Lord Ramish sulla strada del male, e i due amici non si sentivano più parte integrante di quella che era stata la loro famiglia per anni.

Insieme a Tristano anche i suoi fratelli stavano abbandonando Serpent’s Hold per fare rientro a casa.

La sera stessa tutti insieme partirono alla volta di Northgard su di una scialuppa rinvenuta nei pressi del faro di Serpent e Horus decise di seguire i suoi amici accettando di restare per qualche tempo insieme a loro presso il castello della famiglia Darkfighter.

*la partenza … diario di Horus*
Non fu un viaggio semplice, i pochi viveri a bordo e le condizioni del mare crearono non pochi problemi ad una ciurma improvvisata come la nostra. Passarono i giorni e avvicinandoci a casa l’aria si fece sempre più pungente. Le nostre barbe iniziarono a congelarsi e il nostro cuore sembrava alleggerirsi, avremmo rivisto le fredde montagne di Northgard, le stesse nelle quali cacciavamo cervi da ragazzini per sfamare le nostre famiglie. Il tempo passava e io tenevo duro … Noi tenevamo duro!!


*qualche giorno dopo*

Arrivati a Northgard verso metà giornata, si diressero tutti a casa Darkfighter dove ad attenderli vi era Clarel e Kish.

Le due donne, Madre e Moglie di Tristano, erano felicissime di veder rientrare dopo tanto tempo a casa i propri cari, e una volta fatti tutti i saluti di rito, Tristano presentò l’ospite, poi disse:

“Care, noi ci assentiamo per qualche istante, ci vedremo per l’ora di Cena, io e Horus dobbiamo discutere di un importante questione.”

Horus era incuriosito, non sapeva cosa Tristano volesse riferirgli di così importante, da portare il suoi amico a interrompere i festeggiamenti del rientro a casa.

Tristano si fece seguire da Horus e si spostarono nel grande studio.

Horus prese la parola…”Amico mio, complimenti, la vostra dimora è davvero accogliente, inoltre devo ringraziarvi davvero tanto per la vostra ospitalità. Il viaggio verso casa è davvero lungo, ma l’idea di prendermi una pausa qui insieme a voi mi rallegra…”

“Non dovete ringraziarmi amico, casa mia e anche casa vostra…ma volevo discutere con voi una cosa molto importante, che mi riempie la testa da giorni…Come avete visto la nostra città sembra abbandonata, i mercanti vivono alla bene e meglio e molto abitanti stanno abbandonando questo luogo incantato, perché abbandonato a se stesso. Non voglio che accada questo alla mia città natale, voglio vederla risplendere come un tempo!
L’ultima volta che ho visto questa città splendere era ancora un giovane barbaro in cerca di grane…”

“Vi capisco amico mio, ma non capisco dove vogliate arrivare…volete forse governare sulla città?”

“Non voglio governare e basta, dobbiamo governare insieme, risvegliare il popolo Barbaro, far tornare a splendere Northgard…far risplendere questo REGNO! E voglio voi insieme ai miei fratelli al mio fianco! So che di voi posso fidarmi! Bisogna rendere sicura questa città per tutti coloro che vi approdano, bisogna far tornare in auge il commercio, bisogna far tornare viva questa Città così meravigliosa!”

“Pensate in grande amico mio, però possiamo provarci…perché no…in fondo si parla della nostra terra, e vederla così mi rattrista!”

I due amici parlarono e parlarono, le idee non mancavano, poi Kish bussò alla massiccia porta il legno dello studio e invitò i due a recarsi a cena.
Arrivati al tavolo e una volta riempiti i calici, Tristano e Horus si alzarono in piedi e presero parola…

“Moglie…Madre…Fratelli e Sorelle…questa sera io e Horus vi annunciamo la rinascita di Northgard! Faremo tornare viva la nostra capitale, faremo rivivere nel loro regno i Barbari di un tempo e i Barbari del venire! Daremo sicurezza a questo luogo e tornarà a splendere ogni suo angolo come un tempo!I Barbari sono tornati!”

Dopo qualche minuto di silenzio per la notizia, erano tutto esterrefatti da tale cosa, esplosero tutti in un clima di festa! La grande Northgard stava per rinascere, presto la voce del popolo Barbaro sarebbe tornata a riecheggiare per Sosaria!

 

NomeFigli dei Ghiacci
TagIce
AllineamentoRazziale Barbara – Neutrale
TipologiaMilitare
ForumIce

 

Barbari…un popolo strano.

Abituati a vivere nelle fredde terre di Northgard, ma ormai da tempo nascosti agli occhi del popolo di Sosaria.

Ogni tanto qualche Barbaro fa il suo ingresso nelle città, recandosi in qualche locanda a consumare la propria birra e ripartire nel cuore della notta a caccia di avventure.

Tristano aveva deciso di abbandonare definitivamente l’esercito dei Rise of Seax, aveva consegnato la sua lettere d’addio insieme al suo amico Horus.

Gli ultimi avvenimenti stavano riportando Lord Ramish sulla strada del male, e i due amici non si sentivano più parte integrante di quella che era stata la loro famiglia per anni.

Insieme a Tristano anche i suoi fratelli stavano abbandonando Serpent’s Hold per fare rientro a casa.

La sera stessa tutti insieme partirono alla volta di Northgard su di una scialuppa rinvenuta nei pressi del faro di Serpent e Horus decise di seguire i suoi amici accettando di restare per qualche tempo insieme a loro presso il castello della famiglia Darkfighter.

*la partenza … diario di Horus*
Non fu un viaggio semplice, i pochi viveri a bordo e le condizioni del mare crearono non pochi problemi ad una ciurma improvvisata come la nostra. Passarono i giorni e avvicinandoci a casa l’aria si fece sempre più pungente. Le nostre barbe iniziarono a congelarsi e il nostro cuore sembrava alleggerirsi, avremmo rivisto le fredde montagne di Northgard, le stesse nelle quali cacciavamo cervi da ragazzini per sfamare le nostre famiglie. Il tempo passava e io tenevo duro … Noi tenevamo duro!!


*qualche giorno dopo*

Arrivati a Northgard verso metà giornata, si diressero tutti a casa Darkfighter dove ad attenderli vi era Clarel e Kish.

Le due donne, Madre e Moglie di Tristano, erano felicissime di veder rientrare dopo tanto tempo a casa i propri cari, e una volta fatti tutti i saluti di rito, Tristano presentò l’ospite, poi disse:

“Care, noi ci assentiamo per qualche istante, ci vedremo per l’ora di Cena, io e Horus dobbiamo discutere di un importante questione.”

Horus era incuriosito, non sapeva cosa Tristano volesse riferirgli di così importante, da portare il suoi amico a interrompere i festeggiamenti del rientro a casa.

Tristano si fece seguire da Horus e si spostarono nel grande studio.

Horus prese la parola…”Amico mio, complimenti, la vostra dimora è davvero accogliente, inoltre devo ringraziarvi davvero tanto per la vostra ospitalità. Il viaggio verso casa è davvero lungo, ma l’idea di prendermi una pausa qui insieme a voi mi rallegra…”

“Non dovete ringraziarmi amico, casa mia e anche casa vostra…ma volevo discutere con voi una cosa molto importante, che mi riempie la testa da giorni…Come avete visto la nostra città sembra abbandonata, i mercanti vivono alla bene e meglio e molto abitanti stanno abbandonando questo luogo incantato, perché abbandonato a se stesso. Non voglio che accada questo alla mia città natale, voglio vederla risplendere come un tempo!
L’ultima volta che ho visto questa città splendere era ancora un giovane barbaro in cerca di grane…”

“Vi capisco amico mio, ma non capisco dove vogliate arrivare…volete forse governare sulla città?”

“Non voglio governare e basta, dobbiamo governare insieme, risvegliare il popolo Barbaro, far tornare a splendere Northgard…far risplendere questo REGNO! E voglio voi insieme ai miei fratelli al mio fianco! So che di voi posso fidarmi! Bisogna rendere sicura questa città per tutti coloro che vi approdano, bisogna far tornare in auge il commercio, bisogna far tornare viva questa Città così meravigliosa!”

“Pensate in grande amico mio, però possiamo provarci…perché no…in fondo si parla della nostra terra, e vederla così mi rattrista!”

I due amici parlarono e parlarono, le idee non mancavano, poi Kish bussò alla massiccia porta il legno dello studio e invitò i due a recarsi a cena.
Arrivati al tavolo e una volta riempiti i calici, Tristano e Horus si alzarono in piedi e presero parola…

“Moglie…Madre…Fratelli e Sorelle…questa sera io e Horus vi annunciamo la rinascita di Northgard! Faremo tornare viva la nostra capitale, faremo rivivere nel loro regno i Barbari di un tempo e i Barbari del venire! Daremo sicurezza a questo luogo e tornarà a splendere ogni suo angolo come un tempo!I Barbari sono tornati!”

Dopo qualche minuto di silenzio per la notizia, erano tutto esterrefatti da tale cosa, esplosero tutti in un clima di festa! La grande Northgard stava per rinascere, presto la voce del popolo Barbaro sarebbe tornata a riecheggiare per Sosaria!